La foresta di bamboo, i templi di Arashiyama e il museo dei manga

Dopo aver girato in lungo e in largo la parte est di Kyoto, si può passare ad una delle zone più conosciuta della città: Arashiyama e la foresta di bamboo. In realtà più che una foresta sembra un enorme giardino con fusti cosi alti da garantire l’ombra per tutta la strada che li attraversa. Per arrivarci è possibile prendere il treno JR che ferma a Saga-Arashiyama che, benchè non sia la più vicina, è la stazione più comoda e gratis per i possessori del Japan Rail Pass.

In dieci minuti, passando oltre i negozi che affittano bici (se seguite il mio breve percorso, non ne avrete bisogno) si raggiunge una delle entrate della foresta: potreste ritrovarvi un ingresso simile a questa foto.

bamboo Kyoto

La foresta di bamboo è davvero suggestiva, il colore delle piante trasforma tutto il restante panorama arricchendolo di sfumature verdi davvero particolari. Disseminati nella foresta, sorgono templi e santuari: Tenryu-ji è un enorme padiglione in legno dove è possibile sostare all’interno delle stanze, al riparo dal sole, ammirando i giardini e il laghetto all’interno del cortile. Il biglietto per il Tenryu-ji comprende sia il giardino che il tempio ma potete acquistare anche ticket separati. Ripassando dalla foresta, riprendete il treno in direzione opposta e scendete alla stazione Enmachi: da qui, procedete in bus (204 o 205, attenti alla direzione): prossima tappa il Kinkaku-ji, il tempio dorato.

tenryu-ji kyoto

Un paesaggio da bocca spalancata è nascosto tra la vegetazione: il Kinkaku-ji sorge su un isolotto nel mezzo di un laghetto e i riflessi dorati, nelle limpide giornate di sole, accecano chi si avvicina all’acqua. Negozietti e punti di ristoro accompagnano verso l’uscita. Ancora con un bus, questa volta il 204, raggiungerete i giardini imperiali. Il palazzo dell’Imperatore chiude alle 17 cosi come il museo del Manga poco più a sud. Se avete abbastanza tempo, visitateli entrambi altrimenti, come nel mio caso, proseguite per il museo lasciando per il tardo pomeriggio i giardini attorno il palazzo, che restano aperti tutto il giorno.

Il museo è fantastico: scaffali e librerie pieni di manga di qualsiasi genere e data sono a disposizione di tutti gratuitamente. Al piano terra, una sala lettura è riservata ai bambini, con tanto di letture dedicate. I genitori possono godere del parco artificiale esterno e dedicarsi anche loro alla lettura. Una chicca imperdibile prima di cena!

2 pensieri su “La foresta di bamboo, i templi di Arashiyama e il museo dei manga

Rispondi