Amsterdam, una città da annusare

Attenti ai facili doppi sensi, il titolo è volutamente allusivo ma è l’introduzione giusta alle impressioni che ho raccolto sulla città. Passeggiare per le vie di Amsterdam è un’esperienza che coinvolge tutti e cinque i sensi: bella da guardare, piacevole da ascoltare, ottima da gustare (è o no il paese con la più alta concentrazione di patatine fritte?)…non saprei cosa aggiungere sul tatto, ma che abbia il potere di sconvolgere i sensi nessuno lo mette in discussione.

Sono gli odori, però, a rimanere impressi, da quelli più ovvi dei coffeeshop a quelli più naturali dei tulipani piantati in ogni angolo verde disponibile. Ecco allora l’elenco degli odori da provare, un’esperienza che nessun dispositivo tecnologico potrà mai riprodurre fedelmente.

I Coffeeshop

Sono la “babele degli odori”, un meltin pot di sostanze disperse nell’aria che hanno nel tabacco e nell’alcool  companatici complementari dell’atmosfera. Vai a capire cosa c’è dentro, ma per un determinato target di turisti di certo rappresenta l’attrazione principale, insieme al quartiere a luci rosse qualche isolato più in là.

Heineken Shop

Heineken o Amstel?

Non conosco un’altra città al mondo che possa vantare una storia del genere sulle birre. Amsterdam dà i natali sia alla più popolare birra dalla bottiglia verde che a quella che ha trovato nell’omonimo fiume l’ispirazione per il nome. Sono storie antiche, ricche di fascino e sapore ma che dividono in due anche gli stessi abitanti. L’odore della birra è di quelli che rimangono nelle narici per un bel po’, un buon degustatore ne riesce a distinguere le differenze.

Il fritto misto

Il mio debole per le patatine fritte è ben conosciuto. Le papille gustative sembravano impazzite e la salivazione come quella di un labrador al solo profumo di tutte quelle patate oliose. Credo sia lo street food per eccellenza da queste parti, tanto da farci delle classifiche speciali.

Verse muntthee

La scoperta del weekend olandese, senza dubbio. Menta in infusione con acqua calda, qualche cucchiaino di miele magari di quelli balsamici e tanto vapore mentolato che ti sale nel naso come fosse un naturalissimo aerosol. Nei pub e nei cafè della città provate a chiedere un verse muntthee e ditemi se non è un piacere stare li ad inspirare le sue esalazioni.

Gouda Amsterdam

Fomaggi, non solo Gouda

Il Gouda è il formaggio più conosciuto in Olanda e sicuramente quello più facile da trovare nei negozi. File e file di forme cilindriche vengono allestite nelle vetrine, in bella mostra per attirare l’attenzione dei turisti. La mia esperienza con il formaggio (altro grande debole in cucina) è stata piccante, speziata, dolce e salata nello stesso tempo: vengono allestite bancarelle colorate che offrono diverse varianti del Gouda e concentrarsi sul profumo che emana è un ottimo esercizio prima della degustazione vera e propria.

3 pensieri su “Amsterdam, una città da annusare

Rispondi