#operazionevintage: una cartolina dalle Filippine

Le cartoline sembrano una cosa troppo retrò all’epoca dei social network, di whatsapp, di skype e simili; diventa sempre più semplice comunicare, anche quando sei dall’altra parte del mondo e pensare ad un foglio di carta, ai km che deve percorrere e alla reale possibilità che il messaggio vada perduto ti lascia dubbioso sulla reale utilità di spedire una cartolina. Ma poi ho immaginato la faccia sorpresa di chi, abituato a ricevere tutto in “digitale”, aprendo la cassetta della posta, scopre tra una bolletta e un volantino inutile un cartoncino malmesso che ha resistito ai modi sicuramente non gentili delle poste filippine ed ha raggiunto con qualche fatica la destinazione. A me è sembrata una cosa eroica, che ti viene da dire “Grande Cartolina, hai portato a termine la tua missione”. E sfruttando questa scia che sà di militare, qualcuno di mia conoscenza l’ha battezzata #operazionevintage: 6 soldatini di cellulosa hanno attraversato mezzo mondo con l’obiettivo di riempire la bacheca di qualcuno nel mondo. E di ricordargli che i regali più preziosi sono sempre quelli che non ti aspetti (e che ti arrivano nella maniera più inaspettata).

La prima è arrivata a Paola Annoni, seguita da AlessandraIrene e Alessandro: chi saranno gli ultimi due destinatari dell’#operazionevinatge? Qui sotto le cover: fatevi avanti e completate il messaggio!

2 pensieri su “#operazionevintage: una cartolina dalle Filippine

  1. Spettacolo! Siete meravigliosi! Ma adesso io devo sapere dove sono finite le altre due!! Dacci degli indizi!

    Ps: viachesiva è .it, lo so che dovrei prendere anche il .com, il tuo era un gentile invito? 🙂

Rispondi