Le migliori 5 posizioni per dormire in aereo

Torno a tediarvi con le mie liste, i miei preferiti, le mie osservazioni…chiamatele un po’ come vi pare, ma a me questo articolo su come dormire in aereo mi stuzzica come pochi altri. E ne ho viste di tutti i colori: c’è chi usa la fascia sugli occhi, chi il cerotto per non russare, chi si addormenta con la busta per il vomito in mano e chi invece di dormire proprio non se ne parla. E poi ci sono io, che se devo prender sonno preferisco una sola posizione e, considerando che non ho visto mai nessuno dormire in questa maniera, con questo post stabilisco una sorta di copyright tutto personale. Voi che posizione preferite?

Note dell’autore: ho chiesto collaborazione ad una bravissima disegnatrice, i suoi disegni saranno più esaustivi delle mie parole!

Dormire aereo 1

Con la testa sul tavolino

Classica ma mai scontata. Rilassarsi sul tavolino è un gesto semplice, non troppo comodo sui voli low cost dove c’è già poco spazio per respirare, figuriamoci per stendersi in avanti. Il tavolino andrebbe testato per queste circostanze; ne ho visto almeno un paio in situazioni di “emergenza”, con staffe piegate o, nella migliore delle ipotesi, allentate. E se il vostro prossimo tavolino balla un po’, pensateci: forse qualcuno ci ha dormito sopra prima.

Dormire aereo 2

Ribaltato, stile cassa da morto

Dritto, fermo, rigido (freddo?). Una linea retta che parte da terra e divide a metà il sedile. Capo verso il poggiatesta, spesso questa posizione viene accompagnata da bocca aperta e bava sul lato della bocca. E per i più fortunati c’è anche l’opzione sonora: infatti almeno un buon 75% di coloro che dormono in questa posizione sono affetti da roncopatia (russano, insomma).

Dormire aereo 3

Con la testa contro il finestrino

Solo gli “eletti del finestrino” possono godere di questa comodità. Gambe stese al massimo e inclinazione di una ventina di gradi verso sinistra o destra, a seconda della posizione nell’aereo. Susciterà l’invidia di chi vi è accanto; io vi consiglio di godervela e tenervi stretto il bracciolo di mezzo; se avete un vicino poco cordiale, farà di tutto per rubarvi ogni singolo centimetro, approfittando della vostra posizione decentrata rispetto al sedile.

Dormire aereo 4

L’invasione del vicino

Chi viaggia in due è fortunato; quanto meno si può far a turno. L’invasione del vicino è la posizione più comoda per chi la sfrutta, più odiata da chi la subisce. Appoggiarsi sulle gambe, sulla spalla, stendere le gambe o, per i più snodati, coricare la testa sulle coscia di chi vi è vicino. Comoda magari può anche esserlo, ma qualcuno di certo vi farà fischiare le orecchie.

Dormire aereo 5

La migliore in assoluto, stile talebano

Questa è la mia preferita, la migliore al mondo e non si discute. Pochi riescono a mantenerla perchè ci vogliono senso dell’equilibrio e concentrazione. Dunque, dapprima si provvede al cuscino. D’inverno basta la sciarpa, d’estate si può sostituire con una maglietta. Insomma, arrotolate qualcosa di morbido intorno alla testa all’altezza della fronte e assicuratevi che sia soffice. Eliminate ogni ostacolo tra voi e il sedile appena davanti. Ora, appoggiate il capo appena sopra il tavolino e mantenete l’equilibrio, come se qualcuno vi tenga la fronte dopo una serata un po’ alticcia. Per chi vola con Ryanair, prendete di mira le istruzioni d’emergenza e sbatteteci su la testa. Bene, Morfeo se vuole può prendervi in questa posizione. Non è la migliore di tutte? :-p

4 pensieri su “Le migliori 5 posizioni per dormire in aereo

  1. Ah ah fantastico post!
    La mia posizione preferita ERA appoggiare la testa sulle gambe del vicino (marito)…ma da quando viaggiamo in 3 mi devo accontentare di appoggiare la testa al seggiolino (nella speranza che si possa reclinare abbastanza). Altrimenti …si dorme poi una volta a destinazione! 😉

Rispondi